Renon da scoprire

L’assolato Altipiano del Renon è adagiato tra la Valle Isarco e la Val Sarentino, al di sopra di Bolzano, capoluogo di provincia, nel cuore dell’Alto Adige. Il Renon, considerato la montagna “cittadina”, accoglie  22 chiese e una rete di sentieri escursionistici di 360 km. Nei suoi 12 paesi e frazioni risiedono circa 8.000 persone e le località principali sono Collalbo, Soprabolzano e Auna di Sotto.
Piramidi di TerraLe Piramidi di Terra del Renon sono un’autentica meraviglia della natura: annoverate tra le più belle d’Europa, svettano in numerose località quali il rio Fosco, tra Monte di Mezzo e Longomoso, la Valle del rio Rivellone, al di sotto di Soprabolzano, e quella del rio Ganda presso Auna di Sotto. Le Piramidi di Terra sono composte da un’argilla morenica della tarda era glaciale; la più alta misura 30 m e la più antica ha 607 anni.
Museo dell’apicolturaBzzz, bzzz, bzzz… Un’escursione di dieci minuti dal nostro hotel vi consente di raggiungere il Museo dell’apicoltura di Costalovara, all’interno del pittoresco Maso Plattner, risalente a 600 anni fa, che la famiglia di commercianti di Bolzano Gramm ha risanato in maniera esemplare negli anni ‘70. Da allora, il maso accoglie questo museo con la sua esposizione di oggetti storici, oltre ad offrire la possibilità di visitare l’ala adibita ad abitazione, conservata allo stato originale. Inoltre, il sentiero didattico all’aperto consente di ammirare gli apiari, il giardino dell’agricoltore e il laghetto, così come antiche piante coltivate.
Maria Assunta72 giorni: questa era la durata della tradizionale villeggiatura dei “ricchi” commercianti di Bolzano. Il 29 giugno riempivano grandi ceste intrecciate (le “Pennen”) con le loro suppellettili, per poi salire sul Renon con l’intera famiglia. Nella metà del 17° secolo, a Maria Assunta sorsero le prime case per la villeggiatura: ville signorili costruite solo per l’estate, ovvero senza finestre isolate o riscaldamento. In questa località sorsero un bel viale di tigli, numerose piccole case a pianta esagonale, alcune cappelle private e perfino un poligono di tiro. La maggior parte degli edifici storici possono essere ammirati ancora oggi.
CommendaLa Commenda di Longomoso è la stella culturale del Renon. Quest’ex ospizio, distrutto durante l’insurrezione contadina del 1525, è stato ricostruito in stile barocco nel 17° secolo. Il primo piano accoglieva sontuose sale magnificamente arredate, in cui soggiornavano gli alti dignitari, che possono essere visitate ogni venerdì.
La Commenda è nota per i Rittner Sommerspiele (spettacoli teatrali estivi del Renon), rappresentati in piena estate nel suo cortile.
Corse gastronomiche notturneDurante cinque serate estive, il Trenino del Renon effettua una corsa gastronomica notturna, che consente di degustare un menù per buongustai con un perfetto accompagnamento “di-vino” e musicale (band dal vivo). Come funziona? A Soprabolzano salite nella carrozza storica in Stile Liberty e viaggiate fino a Collalbo. Presso ciascuna delle cinque stazioni, alcuni ristoratori del Renon vi delizieranno con le loro specialità gastronomiche.ulteriori informazioni
Regione e abitantiGli abitanti del Renon sono considerati raffinati, zelanti e tranquilli. Qui, l’agricoltura ha una lunga tradizione, come dimostrano oltre 300 masi gestiti con grande impegno e che meritano di essere ammirati. Circa 260 si dedicano alla coltivazione, mentre i restanti si sono specializzati in frutticoltura e viticoltura; tutt’intorno ad Auna di Sotto sorgono numerose aziende, che coltivano mele di montagna a oltre 900 m s.l.m. Inoltre, il Renon, accoglie anche coltivatori di erbe aromatiche, allevatori di pecore, capre e wagyu.
EconomiaDal Renon al mondo intero! La cima di Bolzano è nota anche per la sua economia di successo. Qui, hanno la propria sede oltre 800 aziende operanti nei settori più disparati, alcune delle quali da oltre 100 anni. Una peculiarità: il Renon ha anche dato i natali a imprese attive a livello internazionale, quali Loacker, il maggiore produttore italiano di wafer, e Finstral, leader del mercato nazionale nella costruzione di finestre.
P.IVA 02947230211|Colophone|Privacy
Questo sito web utilizza i cookie. L'uso dei cookie è regolato dalla Direttiva UE 2009/136/CE (E-Privacy). Acconsente facendo un clic su "OK". Per proteggere la sua privacy in questo browser, puo gestire qui le preferenze della pubblicità online personalizzata. Per interrompere tutte le tecnologie di tracciamento utilizzate su questo sito che potrebbero utilizzare le informazioni di personalizzazione per la pubblicità online, fai clic su "Opt-Out".